skip to Main Content

Decreto Anticipi: le principali novità.

Fisco
1. Decreto Anticipi: le principali novità.
2. Acconto IVA 2023
3. Decreto Milleproroghe
4. Legge di Bilancio 2024
5. Legge di Bilancio 2024: aumento aliquote IVIE e IVAFE.
6. Certificazione unica 2024: invio entro il 18 marzo.
7. Dichiarazione dei redditi 2023: presentazione tardiva entro il 28.02.2024.
8. Conguaglio dell’Imu 2023, versamenti entro il 29 febbraio.
9. Trasmissione dati Sistema Tessera Sanitaria 2024: il nuovo calendario delle scadenze.

Convertito in legge nella tarda mattinata del 14 Dicembre, il Decreto Anticipi prevede molte novità.

AMBITO FISCALE
  • Proroga Rottamazione Quater:  entro lunedì 18 dicembre sarà ancora possibile effettuare il pagamento, senza sanzioni né interessi di mora, delle prime due rate della rottamazione-quater delle cartelle. L’emendamento, infatti, stabilisce che i versamenti con scadenza il 31 ottobre (prima o unica rata) e il 30 novembre 2023 (seconda rata) si considerano tempestivi se effettuati entro il prossimo 18 dicembre 2023 (per tale scadenza non sono previsti i 5 giorni di flessibilità);
  • Proroga dei versamenti per i territori colpiti dall’alluvione di novembre 2023:  slittano al 18 dicembre i termini relativi ad alcuni adempimenti e versamenti
    tributari e contributivi per i soggetti con residenza, sede legale oppure operativa a Firenze, Pisa, Pistoia, Livorno e Prato il 2 novembre;
  • Chiarimenti e modifiche sulla disciplina IVA:  l’aliquota per gli integratori alimentari sale al 10% mentre si azzera l’iva per gli interventi finalizzati al benessere fisico o per curare malattie accertate con attestazione medica;
  • Misure di Semplificazione: abrogazione dell’obbligo per i sostituti d’imposta di trasmettere telematicamente all’Agenzia delle entrate e conservare i dati contenuti nelle schede relative alle scelte dell’otto, del cinque e del due per mille IRPEF;
  • Tutela del contribuente: applicabilità delle norme di assistenza e rappresentanza del contribuente presso gli uffici finanziari in sede di verifiche fiscali;
  • Novità sugli affitti brevi collegate all’aumento della cedolare secca prevista dalla Legge di Bilancio 2024: l’ emendamento prevede che il Cin, il Codice identificativo nazionale, venga attribuito agli appartamenti da affittare ai turisti e venga esposto sulla porta e indicato negli annunci.  Multa fino a 8.000€ per chi non lo farà;
AMBITO LAVORATIVO
  • Proroga smart working: prorogato fino al 31 Marzo 2024 nel settore privato per i genitori con figli Under 14 e per i lavoratori fragili ossia quei dipendenti che, sulla scorta di un accertamento del medico competente, risultino più esposti al rischio Covid;
  • Bonus psicologo: per il 2023 l’agevolazione raddoppia grazie a un finanziamento ulteriore di 5 milioni di euro. Il bonus, infatti, passa da 600 euro a un massimo di 1.500 euro. Il requisito principale per l’assegnazione sarà il reddito: non si potrà avere un Isee superiore ai 50 mila euro;
  • Fondo Garanzia PMI: dal 1° gennaio 2024 cambieranno le percentuali di copertura e saranno escluse le imprese in fascia 5. L’accesso alla garanzia, inoltre, sarà consentito agli enti terzo settore e alle small mid cap anche in relazione a singole operazioni finanziarie, oltre che nell’ambito di garanzia su portafogli di finanziamenti. Resta confermato invece a 5 milioni di euro l’importo massimo garantito per beneficiario.

Queste elencate sono le novità più importanti del Decreto Anticipi.

Se hai dubbi, contattaci via mail a segreteria@capitaladvisory.net oppure chiamaci al numero +39 06 8088554.

Non accontentarti: rimani aggiornato e seguito come una grande impresa con il supporto professionale di Capital Advisory.

Back To Top